Stephen King, le donne e i film

Pubblicato il:
28 settembre 2017

Categoria:
Pickwick da vedere

Commenti:
   

Condividi:
">TW FB GP

Sui personaggi femminili nei romanzi di Stephen King ci sarebbe da scrivere un saggio… Beh, in realtà è già stato scritto: nell’opera di scandagliare la sfaccettata visione che il Re offre dell’universo al femminile si sono cimentati diversi anni fa alcuni professori e studiosi americani (Imaging the WorstStephen King and the Representation of Women). Quel che è certo è che moltissime delle sue opere hanno per protagoniste delle donne, e che King non si è certo tirato indietro nel rappresentare l’orrore che spesso la condizione femminile porta con sé: gli esempi potrebbero essere innumerevoli, ma basti pensare alle terribili vicissitudini di Dolores Claiborne, protagonista dell’omonimo romanzo del 1993, o alla condizione in cui si viene a trovare Jessie Mahout, ammanettata suo malgrado a un letto fin dalle prime righe de Il gioco di Gerald, romanzo dal quale è tratto il film che NETFLIX propone da domani.

Un altro film originale NETFLIX uscirà il 20 ottobre: si tratta di 1922, ispirato all’omonimo racconto della raccolta Notte buia, niente stelle. Qui la protagonista è vittima di quello che oggi si chiama femminicidio: Arlette, questo il suo nome, finisce cadavere in fondo a un pozzo, ma il marito che insieme al figlio ce l’ha gettata farà una fine forse più orrenda…

Notte buia, niente stelle

Stephen King

Notte buia, niente stelle

Il gioco di Gerald

Stephen King

Il gioco di Gerald

COMMENTI:

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

La gente felice legge e beve caffè (da libro a film)


La storia è una di quelle davvero difficili da dimenticare: una famiglia perfetta, una donna soddisfatta della propria vita e un incidente che......

Leggere Stephen King in attesa di Doctor Sleep


Alcuni delle trasposizioni cinematografiche e televisive di maggior successo.

22/11/'63 un capolavoro di Stephen King


Non sono mai stato un uomo facile alle lacrime, ma in questo caso ho ceduto, perché 22/11/63 è una splendida storia. Perché avvince, risucchia......