Sport

Antoine Vayer, Anonimo

Confessioni di un ciclista mascherato

Confessioni di un ciclista mascherato

Genere:
Sport

EAN-13:
9788868368791

Pagine:
272

Prezzo:
€ 9,90

Formato:
Tascabile

In vendita dal:
17 aprile 2018

Condividi:
TW FB GP

Acquista in Mondadori Store:
Acquista

L'autore di questo libro è un corridore di alto livello, che ha preso parte con successo a tutti i grandi Giri - Francia, Italia, Spagna -, alle Olimpiadi e a tutte le classiche più importanti. Ha raccontato la sua storia ad Antoine Vayer, ex allenatore professionista, ora giornalista di spicco, già collaboratore di Le Monde e Liberation, considerato uno dei più grandi conoscitori di questo mondo. Il motivo per cui il ciclista deve restare anonimo è facile: è ancora in attività e non vuole restare disoccupato. Perché quel che racconta non fa piacere a nessuno. Un girone infernale, così viene descritto il sistema del ciclismo professionistico. Il carrozzone festante delle gare, i tifosi lungo le strade e tutta l'epica che accompagna le tappe sono solo uno scenario, dietro cui si svolgono i veri giochi. Molto di quello che va in scena è concordato, sia all'interno delle squadre che tra corridori di squadre avversarie. I ruoli, dal leader al gregario alla nuova promessa, e a volte i risultati, sono spesso assegnati preliminarmente e ben poco è lasciato al caso. I ciclisti, vittime e complici di questo sistema, sanno che la carriera ad alti livelli dura poco, un anno vale due per loro, e che non ci vuol molto a venire estromessi dal gioco e perdere valore. Per questo la concorrenza è spietata e ogni atleta è disposto a qualunque sacrificio per restare al top. Vita famigliare, divertimento, vacanze, amicizie, la vita del ciclista è una rinuncia continua. Compresa la salute, perché il doping è dato per scontato da tutti, ciclisti, manager, sponsor. Sono gli stessi che, quando qualcuno viene beccato, gridano allo scandalo. Non lascia nulla all'immaginazione, l'autore. Con aneddoti personali e una scrittura diretta che chiama le cose con il loro nome, prende forma un mondo oscuro fatto di scommesse, compravendite - si impara anche a leggere certi gesti che si vedono tra i ciclisti nelle grandi gare - enormi e non sempre puliti giri di soldi, egoismi, ipocrisie, invidie. E molta paura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Un cuore in fuga

Oliviero Beha

Un cuore in fuga

Il profumo dell'asfalto. La F1 come un romanzo

Giancarlo Fisichella,Carlo Baffi

Il profumo dell'asfalto. La F1 come un romanzo

COMMENTI:

Blog

Ciclismo e ciclisti

Bestie da vittoriaConfessioni di un ciclista mascheratoUn cuore in fuga «Non rimpiango niente, ho interpretato il mestiere come fanno tutti gli......